Parker da Chiappini
Sara Jessica Parker

Sarah Jessica Parker e Matthew Broderick

Parker da ChiappiniMolto sexy ma poco City, la star dell’omonimo telefilm noto in tutto il mondo poi diventato anche pellicola cinematografica di successo. Lei Sarah Jessica Parker, che ha dettato lezione di stile, di glamour e di moda ad una generazione intera, icona internazionale, padrona delle copertine delle riviste più importanti al mondo, è approdata a Bolgheri. Irriconoscibile, semplice, indossava degli short cortissimi e maglietta, ha fatto visita nel borgo carducciano con i due figli e il marito, l’attore premio Oscar Mattew Broderik. Una passeggiata mordi e fuggi – come ci ha confessato velocemente la stessa – che le ha permesso di acquistare in diverse botteghe del borgo. ParkerQui sopra, a destra, la vediamo con una sua fan Monica, la commessa di Leopolda Cachemere. Sorridente e sveltissima dopo un brevissimo tour si è allontanata, ormai riconosciuta dai turisti, in tutta fretta, nel taxi che l’ha condotta all’azienda vitivinicola di Giovanni Chiappini (sopra un momento della degustazione). Visita guidata, shop di bottiglie doc Chiappini e poi di ritorno nei pressi di Gavorrano, dove pare abbia preso in affitto una casa con la famiglia. Ma la vacanza, a quanto pare sta per finire e dovremo accontentarsi di rivederla solo nel grande e patinato schermo televisivo!!!

 © Riproduzione riservata

Articolo precedenteUN TUFFO A CASTIGLIONCELLO
Articolo successivoAlta Maremma
Divina Vitale
Toscana pura, giornalista nel Dna, ho una laurea in lettere moderne conseguita all’università di Firenze. Non ricordo bene quando ho iniziato a scrivere, ma ero parecchio bassa. I colori e i profumi della natura mi hanno sempre ispirato, la mia valigia è piena di parole… e mi concedo spesso licenze poetiche… Poi è arrivato il vino, da passione a professione. A braccetto con la predisposizione e pratica attiva per i viaggi e la cucina internazionale e ancor più italiana… assaggiare ed assaggiare… sempre. E’ giunto il momento di scriverne, con uno spirito critico attento. Da sommelier ho affinato certe tecniche di degustazione ma quello che conta nel vino,come nella vita, è l’anima. Basta scoprirla. E’ bello raccontare chi fa il vino e come lo fa. Perché il vino è un’inclinazione naturale…